Alianello Vecchio: il paese del silenzio

Nel materano vale la pena visitare Alianello Vecchio, un piccolo borgo nel comune di Aliano, fondato nel 1200 circa. Uno tra i luoghi simbolo delle “città fantasma” per bellezza e suggestioni.

È situato nella Val d’Agri, alla sinistra dell’omonimo fiume, e comprende Alianello di Sotto ed Alianello Nuovo, località che hanno rispettivamente 74 e 196 abitanti.

A colpire è la storia dei suoi abitanti, una storia fatta di amore per il proprio paese, più forte delle calamità naturali.

Dopo il terribile terremoto del 1857 che lesionò gran parte del paese, il governo decise di fare un censimento della zona e gli ispettori una volta valutati i danni, lo dichiararono inagibile nel 1925.

Diversi abitanti, però, decisero di non lasciare le loro case, e così il paese continuò a vivere fino 1980, quando il sisma dell’Irpinia lo distrusse in maniera irrimediabile.

Camminando tra le strette stradine si scoprono ancora vecchi muri crepati e scrostati, indumenti ed arredi, tutte cose che riportano il ricordo alle persone che hanno abitato questo luogo.

Molte case sono state evidentemente abbandonate in fretta e furia, in alcune si possono intravedere ancora gli oggetti di uso comune mai più toccati dagli anni ’80.

Dalle finestre delle abitazioni dell’affascinante borgo abbandonato, si ammira un paesaggio meraviglioso: il territorio di questa parte della Basilicata è caratterizzato dai calanchi, dei profondi solchi scavati sulle collinette di argilla dall’erosione delle acque.

Aliano è inoltre famoso per essere stato il luogo del confino obbligatorio dello scrittore Carlo Levi, in cui trascorse sette mesi. Così scriveva:

“è un paesaggio violento, nudo, dove scopri effettivamente la debolezza della terra che non ha resistito e poco alla volta ha ceduto, isolando il paese tra una lunga serie di fossi e burroni. Si ha, infatti, la sensazione di ritrovarsi sopra una vecchia nave immobile”.

La suggestione del luogo lo ha fatto prediligere come location per film importanti come La passione di Cristo, Cristo si è fermato a Eboli, King David e Agente 007.

Persino Charles Dickens scrisse di quanto era avvenuto nel Sud Italia in alcuni suoi scritti.

Alianello è un borgo fermo nel tempo agli anni 70-80, uno scenario post-apocalittico di un fascino raro, triste, ma straordinario allo stesso tempo.

Un vero e proprio spettacolo della natura e della cultura, immobile nel tempo, ma contemporaneamente vivo.

Giusy Bovino